InstagramSocial Media Marketing

Biografia su Instagram: come scriverla nel modo giusto

Pubblicato il
come scrivere la biografia su Instagram

La prima cosa da fare, una volta aperto un profilo Instagram è dedicarsi alla scrittura della biografia.

Il box dedicato alla biografia su Instagram può contenere un massimo di 150 caratteri e, in questo spazio così ristretto, tu devi essere in grado di dire tutto ciò che serve per:

  • far capire chi sei e cosa fai
  • di cosa si parlerà sul tuo profilo
  • invitare gli utenti a compiere un’azione

Insomma, se pensavi di buttare già due righe di presentazione così “su e via”, beh… ho idea che dovrai rivedere un attimo le tue convinzioni.

Ma veniamo al punto e scopriamo insieme come scrivere una biografia su Instagram, che colpisca alla prima impressione e che ti aiuti a dar valore al tuo profilo.

Come scrivere la biografia su Instagram: partiamo dal nome

Può sembrare ovvio e banale, ma il nome che darai al tuo account Instagram giocherà un ruolo importante, nella tua comunicazione.

Devi considerare il nome del tuo account come la headline del tuo profilo, il luogo dove le persone ti identificheranno e riconosceranno al primo sguardo.

Il tuo nome deve essere chiaro, immediato e facile da scrivere oltre che da ricordare. Se, come nel mio caso, il tuo business si basa sulla tua figura, utilizzerai come nome il tuo nome e cognome, magari associandolo a qualche parola chiave che individua il tuo business e le persone potrebbero cercare su Instagram.

Ti faccio due esempi:

biografia su Instagram di Sue b

biografia su Instagram di My. Cottage

Se invece il tuo account è legato alla tua azienda, il nome sarà quello della tua attività, che però potrebbe avere delle declinazioni, come nel caso di Later, che ha aggiunto il “com”.

biografia su Instagram di Later

La bio di Instagram vera e propria

Il secondo step è redigere quei famosi 150 caratteri di cui parlavo all’inizio. Qui, devi cercare di essere conciso, incisivo e possibilimente aggiungerci anche un’invito ad un’azione, che potrebbe essere il download di un e-book, la lettura del tuo ultimo blogpost o ancora l’iscrizione alla newsletter.

Le persone che si soffermeranno a leggere la tua biografia su Instagram sono quelle che, probabilmente, ti hanno scoperto da poco, magari tramite una foto che hai postato, e che hanno voglia di approfondire e capire chi sei e cosa fai. Capisci bene che in questo momento, avere una biografia accattivamente e che va dritta al punto è determinante per l’acquisizione di nuovi follower e quindi potenziali clienti, se vendi un servizio.

Puoi arricchire la tua bio con delle emoji o usando dei font particolari, ma specialmente nel primo caso valuta queste tre cose:

  • se esistono delle emoji adatte al tuo business e a quello che vuoi comunicare
  • se le emoji vanno d’accordo con il tuo tone of voice
  • che non vadano a toglierti spazi utili per ulteriori informazioni

Non dimenticare di includere nella tua bio le parole chiave relative al tuo business.

Hashtag sì o hashtag no, nella bio di Instagram?

Ottima domanda. Un tempo si pensava che gli hashtag all’interno della bio potessero in qualche modo aumentare la visibilità del profilo, ma di fatto non è così, perchè i soli contenuti che si posizionano tramite hashtag sono i post di Instagram e non gli account.

D’altro canto, però, inserire l’hashtag aziendale o quello riferito ad un progetto in corso è davvero ultile farlo. Inserendo il proprio brand hashtag all’interno della bio stiamo dando un messaggio e invitando i nostri follower a usare o seguire quel determinato hashtag per interagire con noi.

Pensa a quanto può essere utile, per esempio, quando si lancia un concorso o quando si sta attuando una strategia di marketing che include un’attiva partecipazione degli utenti ad una particolare iniziativa, che può essere semplicemente il repost dei loro contenuti sul nostro profilo.

Come scegliere efficacemente l’unico link a disposizione

Nella tua biografia puoi inserire un solo link, quindi deve essere un ottimo link!

Ovviamente tutto dipende dal tuo obiettivo finale. Vuoi arricchire la tua lista di iscritti alla newsletter? Allora inserirai il link al modulo d’iscrizione. Se invece hai appena lanciato un’e-book, gratis o meno, e vuoi dare la possibilità di acquistarlo anche ai tuoi follower di Instagram, incollerai qui il link al contenuto da scaricare.

Biografia su Instagram - Elisa Pasqualetto

 

Posso farti ancora un altro esempio. Potresti aver previsto come obiettivo da raggiungere, nella tua strategia di social media marketing, l’aumento del traffico al tuo sito web sui contenuti del blog, ecco che quindi ogni volta che scriverai un nuovo post, provvederai a condividere il link anche nella bio di Instagram.

A questo punto, vorrei affrontare con te altri due argomenti:

  • l’utilizzo o meno di short-link
  • l’utilizzo di Linktree

Ma vediamoli con calma.

Shortlink sì o no?

Se non sai di cosa sto parlando, gli shortlink sono tutti quei link che, tramite un tool, vengono accorciati e resi tracciabili. Esistono diversi programmi che ti permettono di personalizzare il tuo link, come ad esempio Google Shortner o Bitly.

Grazie all’utilizzo di questi “accorciatori di link” riuscirai a monitorare i click anche verso piattaforme di cui, altrimenti, non avresti a disposizione le statistiche.

D’altro canto, però, gli utenti sono diffidenti verso questo tipo di link, perchè non sanno esattamente dove li porterà. Possono intuirlo, certo, se personalizzi il link con le parole chiave, e potrebbero non cliccarci sopra immediatamente.

Se vuoi la mia opinione, da brava markettara, lo shortlink va utilizzato. Chi non cliccherà subito per diffidenza, avrà comunque modo di farlo in un secondo momento, dopo un periodo di conoscenza e di frequentazione del nostro profilo, quando si sarà finalmente fidato di noi.

In altre parole, uno shortlink può spaventare ed essere considerato un po “spammy”, ma possiamo correre questo rischio, a fronte di una strategia efficace e una comunicazione vincente sul nostro account.

L’utilizzo di Linktree

Devo dire che non ho ancora testato personalmente questo tool, anche se lo sto incontrando sempre più spesso sui profili di altre colleghe e penso che a breve lo adotterò anche io.

Linktree è uno strumento gratuito che ti permette di inserire nella tua biografica su Instagram, più di un link.

Come funziona?

Linktree raccoglie, in una landing page, una serie di link a tua scelta e, incollando il link a questa landing page sul tuo profilo Instagram, convoglierai il traffico verso una menù più ampio di scelta.

Linktree esempio

L’unico contro di questa opzione è l’aggiunta di un passaggio al percorso naturale dell’utente, che clicca su un link aspettandosi di essere ridirezionato in un posto e si ritrova, invece, a fare un’ulteriore scelta.

Il pro di questa soluzione, però, è che ti permette di convogliare il tuo traffico da Instagram a diverse destinazioni, testando l’interesse per unargomento o di un altro, grazie alle statistiche che Linktree ti offre.

Questo, lo trovo un aspetto molto interessante, soprattutto in vista della redazione di un piano editoriale per il blog o per i social, nella fase di identificazione degli argomenti di maggior interesse.

Conclusioni

Spero di averti fornito qualche suggerimento utile per migliorare la tua biografia su Instagram e se avrai voglia di condividere con me la tua esperienza, la tua opinione sull’argomento o la tua bio per regalare un esempio a tutti gli altri lettori, ne sarei felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.