Pieces of Venice è una piccola realtà, fondata da Karin e Luciano Marson, che produce oggetti di design in rovere di bricola (struttura nautica utilizzata per indicare le vie d’acqua nelle lagune di Venezia).

Il progetto è iniziato a settembre 2019 e si è concluso ad aprile 2020 (causa Covid-19), ed è stato realizzato insieme all’agenzia ELAN42, di Venezia.

La situazione iniziale

Karin e Luciano avevano necessità di gestire la comunicazione di Pieces of Venice a tutto tondo, io in particolare mi sono occupata della gestione dei due canali social attivi: Instagram e Facebook.

L’attività era in piedi già da un paio d’anni, ma il brand di Pieces of Venice era ancora praticamente sconosciuto.

La comunicazione sui due canali social risultava molto amatoriale ed era chiaro che non si stava seguendo un obiettivo ben preciso.

La Strategia

Un’attenta analisi del brand, che è stata alla base delle strategia poi proposta, mi ha permesso di capire che Pieces of Venice aveva una serie di criticità:

  • un prodotto molto di nicchia
  • un prodotto con dei costi molto elevati
  • target iniziale (bambini e anziani) non conforme a quanto individuato

Siamo quindi arrivati alla conclusione che era necessario un forte lavoro di brand awareness, che potesse far percepire all’utente che il prodotto non era solo un oggetto di design da acquistare per il piacere di averlo in casa, ma qualcosa di più.

Abbiamo quindi pensato di associare al brand uno scopo sociale (oltre a quello già esistente che consiste nell’assegnare la maggior parte delle lavorazioni alla Cooperativa Sociale Futura) e a favore della città di Venezia (vista la sua particolare situazione e la filosofia di impiegare materiale di riuso per la realizzazione dei propri oggetti), instaurando una partnership con un’associazione locale chiamata Masegni e Nizioleti. L’associazione si occupa di pulire saltuariamente e volontariamente parti imbrattate della città per riportarla al decoro, il ruolo di Pieces of Venice sarebbe stato quello di sostenere la causa, devolvendo parte del ricavato delle vendite per finanziare l’acquisto dei materiali che usano i volontari.

In questo modo acquistare un prodotto Pieces of Venice non sarebbe stato solo un regalarsi un oggetto di design, ma partecipare attivamente alla salvaguardia di Venezia.

Abbiamo quindi ideato un Pay-off che potesse esprimere pienamente lo scopo: Salva Venezia un pezzo alla volta.

Abbiamo poi iniziato, tramite i social, una relazione con gli utenti di tutto il mondo, amanti della città di Venezia, raccontando piccole curiosità legate al mondo delle bricole e ai luoghi a cui sono dedicati gli oggetti (ognuno porta, infatti, il nome di un luogo ben preciso a Venezia).

Abbiamo inoltre coinvolto gli utenti nella scelta degli angoli veneziani da riportare allo splendore originale, con l’idea di coinvolgerli attivamente nelle operazioni di pulizia qualora avessero voluto (cosa purtroppo mai andata in porto per i problemi causati dall’arrivo dell’epidemia di Covid-19)

I risultati

Nonostante il progetto si sia interrotto prima del tempo per cause di forza maggiorni, ecco i risultati ottenuti:

  • aumento dell’Engagement Rate su Instagram da 1,66% al 4,75%
  • la pagina Facebook è cresciuta del 19,52% da settembre 2019 a marzo 2020
  • Il traffico proveniente da Facebook è aumentato del 257,68% da gennaio a marzo 2020

Pagina Facebook da Gennaio a Marzo 2020:

Profilo Instagram da Settembre a Marzo 2020: il profilo era stato agganciato a un software di automazione che ne aveva danneggiato le performance, per questo motivo inizialmente è stato necessario attuare un lavoro di pulizia del profilo, eliminando i fake follower.

Servizi: Social Media Marketing (gestione pagina Facebook e Instagram)

Sito: https://www.piecesofvenice.com/

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.