FacebookSocial Media Marketing

Addio regola del 20% sul testo delle immagini di Facebook: ecco cosa cambia

testo-immagine-facebook-novità

Ecco che il grande colosso azzurro ha tirato fuori dal cappello un’altra novità, Facebook cambia la regola del 20% sul testo delle immagini, sicuramente ci sono stati moltissimi social media specialist che hanno tirato un sospiro di sollievo non appena hanno appresa la notizia, ma il primogenito di Mark non fa mai le cose a caso, ed ecco che, infatti, ha aggiunto delle nuove regole, che vedremo insieme.

Sappiamo tutti che Facebook non è più un social network a puro uso goliardico, sto ovviamente parlando del suo utilizzo da parte delle azienda, ma è uno strumento di marketing a tutti gli effetti e, come tale, ha le sue regole rigide e ben definite. Insomma, ciccio, o ti sta bene così o tanti saluti.

Leggi anche: le 2 ultime novità di Flipboard

Dal 20% sul testo delle immagini ai 4 livelli di testo

Se prima dovevamo diventare matti a caricare l’immagine con testo nella griglia messa a disposizione dallo stesso Facebook, adesso dobbiamo fare una fatica in più e capire a che livello si posiziona la nostra immagine. Fino a qualche giorno fa, caricavamo la nostra immagine, vedevamo se il testo rimaneva all’interno di un tot di quadratini della griglia e il gioco era fatto, superavi il 20% di testo? Il tuo annuncio non veniva approvato e dovevi mettertela via, adesso, non è più così.

Ma cos’è cambiato?

Adesso Facebook ci parla per livelli, per la precisione di 4 livelli:

  • Image Text: OK
  • Image Text: Low
  • Image Text: Medium
  • Image Text: High

Ma come si fa a stabilire se il mio testo sull’immagine è OK, low, medium o high?

Il testo dell’immagine è Ok

facebook-testo-immagine

Come vedi nell’esempio l’unica parte di testo è rappresentata dal logo, questo è l’esempio di un’immagine che Facebook sarà portato a distribuire a molte persone. 

Il testo dell’immagine rientra nel livello Low

facebook-text-image

Se il testo dell’immagine è più presente, ma ancora non in maniera eccessiva, Facebook, al momento della finalizzazione dell’annuncio, ti chiederà di “considerare l’idea di cambiarla”, questo perché, altrimenti, l’immagine verrà mostrata ad un numero inferiore di persone. Il succo è: sì, sei bravino, chiudo un occhio, ma un po’ te lo faccio pesare.

Il testo dell’immagine rientra nel livello Medium

facebook-text-image

Qui le cose cominciano a farsi serie, a Facebook il testo nelle immagini proprio non piace e, se già al livello low cominciava a storcere il naso, al livello medium il fastidio si fa più persistente. La conseguenza, ovvia, è che l’immagine potrai sponsorizzarla comunque, ma verrà mostrata ad un numero di persone ancora più inferiore. Insomma, già qui dovresti cominciare a domandarti se vale davvero la pena investire un certo budget su un annuncio di questo tipo, ad ogni modo, puoi sempre provare ed eventualmente interrompere la campagna.

Il testo dell’immagine rientra nel livello High

facebook-testo-immagine

Ok , qui si sta decisamente esagerando, va bene che Facebook ha deciso di togliere la regola del 20% sul testo delle immagini, ma questo non significa approfittarne e creare post come quello che vedi nell’immagine. Il testo è utile, indubbiamente, completa ciò che l’immagine già potrebbe dire da sé, ma se ne abusi, rischi di infastidire il tuo pubblico, che reagirà in due modi:

  • lo ignorerà perchè non avrà voglia di fermarsi a leggere tutto quello che c’è scritto
  • lo percepirà come una pubblicità troppo invasiva e potrebbe arrivare a decidere di non visualizzare più i tuoi aggiornamenti

Le eccezioni alla nuova regola sul testo delle immagini di Facebook

Ci sono dei casi in cui questa regola non viene applicata e sono i seguenti:

  • Locandine di film, concerti, festival ecc
  • Copertine dei libri
  • Copertine di Album
  • Immagini di prodotti
  • Immagini che hanno una forte correlazione con la scrittura, come ad esempio i fumetti
  • Screenshot di App e giochi
  • Testi legali
  • Infografiche

Cosa ne pensi di questo cambiamento? Fammelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.