FacebookSocial Media MarketingUncategorized

Facebook News Feed: amici e parenti in pole position e le pagine aziendali?

Pubblicato il
Facebook.news-feed-novità

Dì la verità, dopo la novità sul 20% di teste nelle immagini pensavi che Facebook se ne sarebbe stato buonino ancora per un po’, e invece no, gli aggiornamento questa volta riguardano proprio la Facebook News Feed, vale a dire la bacheca che controlli ogni giorno per più di una volta al giorno.

La novità è che il nostro amico Mark si è messo in testa che sia di nostro interesse ricevere, prima di tutto, le notifiche di amici e parenti, adesso, capisco gli amici, ma i parenti? Magari può sembrare un bel gesto, di primo impatto, il signore di Facebook ci tiene che rimaniamo aggiornati sulle novità dei nostri cugini, zii, genitori ecc, ma, onestamente, non la trovo proprio una mossa vincente, anche se questa è solamente una mia opinione. Con questo non voglio dire che non mi interessi vedere i post delle mie sorelle, penso più che altro a ciò che vado a perdere, soprattutto per quanto riguarda il lato professionale.

A causa delle regole dell’algoritmo di Facebook, che mostra i post di una pagina a circa il 10% delle persone che hanno messo “mi piace”, al giorno d’oggi mi risulta già difficile vedere sulla mia News Feed gli aggiornamento di pagine che mi interessano, sia a livello professionale che per puro e semplice svago. Insomma, non riesco a capire perchè al posto di vedere i post di una pagina di ricette che mi potrebbero salvare la vita, sono costretta a vedere mia cugina che si ubriaca di cocktail.

Certo, Mark ha detto che gli darà la precedenza al parentado e alle amicizie, ma la domanda a questo punto è un’altra… cosa cambia per gli amministratori di pagine Facebook aziendali?

news-feed-facebook

Facebook News Feed: cosa succederà alle pagine della aziende?

Facile da intuire, poco piacevole da digerire, se ci pensi. Se già la tua pagina Facebook fa fatica ad ottenere like in maniera organica  e con un investimento medio-basso riesci già a vedere qualche condivisione, sappi che la pacchia, probabilmente è finita. Le opzioni sono praticamente due:

  • creare post veramente moooolto coinvolgenti e quindi condivisibili o sui quali può nascere una lunga conversazione
  • pagare di più per gli ads

Perchè, in fondo, in fondo, caro Mark, non ce la beviamo mica la favoletta che “Facebook è stato costruito con l’idea di connettere le persone con amici e famigliari”, diciamo piuttosto che quest’anno hai in programma qualche bella spesa importante, magari un viaggio di un anno, chi lo sa, e hai bisogno di qualche entrata in più.

Per concludere, caro gestore di una pagina Facebook aziendale o privata, ancora una volta, questo aggiornamento della Facebook News Feed non va di certo a tuo favore, dovrai investire di più e spremerti ancora di più le meningi per poter produrre contenuti degni di nota, che possano scavalcare quella fastidiosa barriera del 10%.

Capisci perchè, ancora di più, non puoi far scrivere i contenuti ad uno stagista?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.